Quali sono le città con più portici in Italia?

I portici sono sicuramente una delle più note caratteristiche urbane del territorio italiano. Un tipo di costruzione che deve le sue origini all’Antica Grecia e ai Romani. La loro realizzazione può avere ragioni artistiche, architettoniche ma anche pratiche, di pubblica utilità.

Tra queste ultime troviamo il piacere di poter passeggiare per la nostra città anche quando piove, grandina o nevica, senza il rischio di bagnarci o dover per forza utilizzare lo scomodo ombrello.

Ma quali sono le città con più portici in Italia?

Leggi tutto

Colle dell’Assietta. Storia della Battaglia, apertura estiva

La Città metropolitana di Torino ha comunicato che, a partire dall’inizio di luglio 2022 sarà resa nuovamente accessibile la Strada Provinciale 173 dell’Assietta; per la precisione, dal 1° luglio.

La chiusura autunnale è prevista il 31 ottobre 2022, salvo premature e corpose nevicate, per poi riaprire durante il periodo estivo 2023.

Leggi tutto

“Paganini non ripete”, frase nata al Carignano di Torino

Chi non conosce queste parole, ormai famose in tutto il mondo? Pochi, però, sanno quando e dove sono state pronunciate la prima volta, le origini.

E’ il febbraio del 1818 e al Teatro Carignano di Torino Niccolò Paganini esegue uno dei suoi straordinari concerti. Tra il pubblico vi è anche Carlo Felice che, in seguito alla performance musicale del compositore, chiede la ripetizione di un brano.

Paganini, abituato ad improvvisare la sua musica e spesso -forse esagerando- lesionandosi i polpastrelli, decide di recare questo messaggio al futuro re di Savoia:

Leggi tutto

Assedio di Torino del 1706. Rievocazione storica, iniziative

Ogni anno in città viene organizzata la commemorazione per l’anniversario dell’assedio di Torino condotto dall’esercito francese e della sua successiva liberazione, avvenuta proprio in questi giorni, il 7 settembre, ma dell’anno 1706.

316 anni fa l’Europa era già il palcoscenico di numerose guerre e battaglie, tra diversi stati e regni. Torino sembrava spacciata sotto la pressione transalpina, finché non giunse il Principe Eugenio di Savoia in aiuto al cugino Vittorio Amedeo II, che difendeva la città.

Leggi tutto