Fiera della Toma a Condove, Torino (ottobre)

Quando pensi al Piemonte e alla grande offerta gastronomica regionale, uno dei prodotti tipici che subito viene in mente è proprio la Toma.

Il formaggio DOP (Denominazione di Origine Protetta) viene lavorato in diverse località presenti sul nostro territorio, dal torinese al novarese, dal biellese alla provincia di Cuneo.

Naturale, quindi, che in suo onore vengano organizzate numerose sagre e fiere, come quella annuale programmata a Condove, a pochi chilometri da Torino, ai piedi della Sacra di San Michele.

Leggi tutto

Fiera del Peperone a Carmagnola. Programma e orari

A luglio è stata presentata la 73° edizione della Fiera del Peperone di Carmagnola 2022.

Un evento tradizionale dalla longevità impressionante, ormai conosciuto e apprezzato non solo in Piemonte ma anche nel resto d’Italia. Basti pensare ai circa 250.000 visitatori sui quali ha sempre contato (in periodi pre-epidemia) la storica sagra.

Ma qui non si pensa solo al divertimento. L’impatto economico sul territorio supera i 10 milioni euro, per un totale di 25 milioni nel corso degli ultimi cinque anni. Inoltre, è stato registrato un aumento del turismo pari al 15%, durante i giorni della fiera.

Leggi tutto

Sagra della pesca ripiena, Vauda di Rocca Canavese

Un tradizionale appuntamento con la buona cucina golosa che attira ogni anno migliaia di visitatori. Ad agosto, dal 6 al 13, si svolgerà a Vauda di Rocca Canavese, in provincia di Torino, la 20° Sagra della pesca ripiena (2022).

Un gradito ritorno, dopo due anni di assenza per l’emergenza sanitaria.

Otto giorni di bontà, non solo per la famosa pesca farcita con amaretti e cioccolato, proposta secondo l’antica ricetta della nonna, ma anche per le specialità piemontesi del territorio, servite ai tavoli situati in mezzo al verde e alla campagna.

Leggi tutto

La Sagra della Toma di Lanzo è a Usseglio

La Toma di Lanzo è un formaggio tipico della zona e fa parte della grande varietà di tome che vengono prodotte in Piemonte.

Le origini della produzione casearia nelle Valli di Lanzo risalgono fino all’anno 150 d.C., quando vi era ancora l’Impero Romano.

Si trovano tracce storiche sulla Toma di Lanzo nel libro “Summa lacticiniorum” del 1477, dove viene definita “incisivus et mordicativus“, ossia piccante.

Leggi tutto