Recensioni

La Forma Incerta dei Sogni, di Leonora Sartori (recensione libro)

Un romanzo di “Memoria” quello che vi vogliamo proporre quest'oggi, una storia che scorre sul doppio binario della voglia di cambiare il mondo, due angolature distanti che alla fine convergeranno fino ad incrociarsi.

Stiamo parlando del romanzo di esordio della scrittrice vicentina Leonora Sartori, “La Forma incerta dei sogni”.

Tutto iniziò a Halloween, di Anna Maria Bonavoglia (recensione libro)

A Torino, nell'elegante quartiere della Crocetta, c'è un condominio denominato “Margherita”. Si trova in via Vespucci. Questo condominio è al centro di una ingarbugliata storia che si svolge ai nostri giorni ma che prende origini in una notte di Halloween di qualche anno prima, quando, in via Filadelfia, un gruppetto di ragazzini bussò alla porta di un antiquario, dall'aspetto non proprio rassicurante e non amante dei bambini, men che meno quelli che gridano “Dolcetto o Scherzetto?”.

Inaspettatamente Prof! Con orgoglio un anno tra i giovani, di Gigliola Magnetti (recensione libro)

Terminata la lettura del libro di Gigliola Magnetti si ha la sensazione che in questo caotico mondo ci sia chi ha ancora voglia di mettersi in gioco, magari sotto i riflettori di giudizi che possono non essere positivi, anzi, pesare ma sicuramente questa è la forza del volume che vi proponiamo.

L'esperienza di una professoressa di italiano che ritorna tra i banchi e lo fa in un istituto professionale di Ciriè.

28 Grammi Dopo, di Iacopo Barison (recensione libro)

Una storia semplice non ha bisogno di una prosa forbita e neanche di un attenzione meticolosa nella struttura come nelle parole. Una storia semplice può essere buttata giù quando si vuole, basta sia corretta. Una storia semplice non ha bisogno di tanti accorgimenti, inizia e si conclude quando si vuole, forse senza chiederci neanche il perché la si scrive o che funzione sociale possa avere la sua trama o conclusione.