Tema a scuola, sospese maestre: "Vorresti morisse prima mamma o papà?"

ScuolaUna triste vicenda che lega il settore dell'istruzione a comportamenti "Ai confini della Realtà" nei confronti di bambini con un'età particolarmente vulnerabile. Il finale sembra essere a lieto fine, dato che le due maestre della scuola elementare di Scarmagno, comune situato nella zona nord della provincia di Torino, dopo essere state denunciate dai genitori degli alunni, sono state sospese dal ruolo di insegnamento.

Le donne in questione pare siano state coinvolte da alcuni fatti che lasciano un po' perplessi. Uno riguarda le richieste di massaggi al collo rivolte ai bambini, mentre un altro, che ha destato scalpore tra i media e l'opinione pubblica, riguarda la lezione di italiano.

Le maestre, infatti, avrebbero dato alla classe elementare il compito di fare un tema dal titolo non proprio "tradizionale". Secondo il quotidiano La Repubblica era questo "Vorresti che morisse prima la mamma o il papà?", mentre l'Ansa ne riporta uno ancora più angosciante: "Chi vorresti uccidere per primo tra tuo padre e tua madre?".

Non solo, sempre La Repubblica ha pubblicato un articolo sulla storia di cronaca piemontese aggiungendo che le insegnanti avrebbero anche trattato l'argomento "sesso" in maniera non convenzionale, con frasi non certo adatte a dei bambini; ad esempio: "Il sesso è quando i vostri papà si fermano per strada con le prostitute di colore o quando le vostre mamme fanno l’amore con altri uomini".

Al momento la Procura di Ivrea, secondo quanto riportato dall'Ansa, avrebbe soltanto constatato gli estremi per una "punizione" disciplinare. Non vengono quindi individuati gli estremi che giustificherebbero una condanna per maltrattamenti. La sospensione, arrivata dall'Ufficio scolastico regionale, è stata inflitta solo in via cautelare.