IMU e TASI a Torino: pagamento in ritardo senza sanzioni. Rimborsi a dicembre

Raccolta differenziata TorinoLo aveva già anticipato una settimana fa il Governo, per mano del Ministero dell'Economia, delegando poi i Comuni per quanto riguarda la comunicazione e la definizione dei particolari.

Ora è arrivata anche la conferma ufficiale da parte dell'amministrazione torinese. Le tasse Imu (imposta sulla casa) e Tasi (imposta sui servizi cittadini), le cui prime rate scadevano il 16 giugno scorso, potranno essere saldate senza il rischio di incorrere in sanzioni.

Nessuno scatto automatico di more e interessi per chi pagherà entro mercoledì 16 luglio. Il Comune di Torino ha quindi accolto la decisione presa a Roma per venire incontro ai contribuenti che si son visti, in poco tempo, travolti da calcoli, nuove tasse, disinformazione su aliquote e scadenze, fino all'ultimo momento.

Non era infatti semplice riuscire a capire gli importi da versare in un simile contesto fiscale, reso caotico anche dai titoloni, spesso fuorvianti, dei media.

Chi deve ancora pagare Imu e Tasi, quindi, ha tempo circa due settimane prima di cadere realmente nelle sanzioni, applicate poi dal 17 luglio.

Coloro che, invece, hanno già versato la somma richiesta, comprensiva di maggiorazioni e interessi, potranno sottrarre la cifra versata in più, nel corso dell'ultimo versamento, il saldo del 16 dicembre.

Informazioni utili e contatti
Direzione Servizi Tributari, corso Racconigi 49 a Torino (dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 12.30)

telefono 011 4424857 (dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 16)

Tasi email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Imu email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..